domenica 21 aprile 2013

Barcellona, cittá di film: ciak si gira!





Woody Allen, Pedro Almodóvar e Manuel Huerga sono alcuni dei registi che hanno preso Barcellona come sfondo per i loro film. La sua architettura modernista e il suo legame con la cultura hanno reso la città protagonista in film come Tutto su mia madre, il Profumo, o Salvador. Vi propongo sei percorsi tematici che attraversano i punti in cui le scene piú popolari sono state girate. Turismo urbano come hanno fatto Rebecca Hall e Scarlett Johansson in Vicky Cristina Barcelona, e il Comune di Barcellona ha pubblicato un interessante libro con 20 percorsi per 180 scenari.

Turismo con Woody Allen

Per esigenze di copione, Woody Allen giró scene in luoghi di Barcellona molto rinomati e conosciuti come la Sagrada Familia, la Fondazione Joan Miró, La Pedrera e il Parco Guell dove Rebecca Hall e Scarlett Johansson interpretano il ruolo di due amiche che vogliono trascorrere qualche giorno di vacanza nella città. Vicky, Cristina, Barcelona è stato girato principalmente durante l'estate del 2007,e le Asturie e New York sono stati altri set del film. 

Con lo spirito guerriero 'Salvador'
                      
                        
Basato sul film di Salvador, il tour passa attraverso luoghi meno conosciuti dai visitatori. Propone luoghi come il carcere modello (Model Prison) dove entra Salvador Puig Antich, un giovane anarchico che lotta per la libertà in un periodo di dura repressione sotto il regime di Franco. Ma suggerisce anche altri luoghi come la Plaça Reial, dove il  protagonista si incontra con i suoi amici o l'Università di Barcellona, ​​dove hanno girato la scena della manifestazione per protestare contro la morte di Enrique Ruano studente.

Almodovar e sua madre

                          

Nel 1998 ha girato Tutto su mia madre, per la regia di Almodóvar, racconta la storia di una donna, Manuela, interpretato da Cecilia Roth, che si reca a Barcellona alla ricerca del padre di suo figlio per dirgli che il giovane è morto. Per la prima volta, Almodóvar ha deciso che la fase principale di uno dei suoi film non è Madrid, ma la capitale catalana, con l'inserimento di attrazioni come la Sagrada Familia e Palau de la Musica Catalana, bellissima la scena iniziale girata in un soleggiato pomeriggio con una vista aerea che va dal Tibidabo al mare.

Il gotico come la Parigi del XVIII secolo
 
Profumo: Storia di un assassino è stato girato a Barcellona, ​​in altri luoghi della Catalogna e in Provenza nel 2005. Nelle intenzioni del regista, gli edifici del quartiere Gotico rappresentano la parigi del Settecento  per dare vita ad una storia ossessiva di profumi.

Destinazione di scelta per il 'Erasmus'

La produzione francese L'appartamento spagnolo fu girato per le strade di Parigi e Barcellona nel 2001. ispirandosi alle esperienze che i giovani vivono partecipando al programma Erasmus. Il protagonista del film, un giovane studente visita La Rambla, Parc Güell e le spiagge di Barceloneta e altri luoghi ancora, che mostrano una cittá ricca di storia, cultura e mediterranea.

Manuale d'amore nella Villa Olimpica.

 

Dopo il successo mondiale di Manuale d'amore, una esplorazione divertente delle fasi dell' amore in quattro diversi capitoli dove il regista italiano Giovanni Veronesi ha deciso di andare a Barcellona e girare il sequel del manuale. Nel buio della notte di Roma, dove viene girata gran parte della pellicola, lo spettatore viene poi proiettato nella  luce di Barcellona. Il Villaggio Olimpico, il Porto Olimpico e la zona della Barceloneta, tra gli altri luoghi, riflettono una città mediterranea con molta storia e design.

(fonte acomunidad.elpais.com/elviajero/tags/barcelona)