domenica 14 ottobre 2012

La Pedrera, doveva essere la casa della Vergine (1906)

(1878)
Antoni Gaudí era un uomo molto religioso e cercava di dimostrare questo suo profondo sentimento, nelle sue opere anche se, a prima vista, é difficile da vedere.
 Cosí l'anno 1906, quando ricevette l'incarico da Milá di costruire la sua impressionante abitazione in Paseo de Gracia, Gaudí cercherá di lasciare una traccia di quel proprio sentimento religioso. Se la casa era concepita come una grossa montagna,  questa altro non era, secondo le intenzioni dell'architetto,  che una grande piattaforma per la Madonna. Nel progetto che va a presentare al Comune di Barcellona nel 1906, si puó vedere come nella parte centrale appaia un bassorilievo della Madonna con il bambino in braccio.




Ma poi Gaudí, preso dalla ispirazione religiosa, pensó di fare molto di piú in onore della Vergine, pensó che la casa dovesse essere ornata da una scultura vera e propria della Vergine, con tanto di Arcangeli Gabriele e Michele, scultura che doveva raggiungere i quattro metri di altezza.



Peró la cosa non andó a buon fine, anche in considerazione del fatto che in quegli anni (1909) Barcellona fu colpita dagli eventi della Settimana Tragica nella quale dal giorno alla notte si incendiarono molti edifici religiosi e quindi il Milá per timore che la scultura della Madonna potesse in qualche modo essere presa di mira, non accettó, scatenando l'ira di Gaudí che interruppe i lavori e cessó la relazione con il Milá citandolo in giudizio.

Oggi, al posto della scultura della Madonna, c'é una modesta rosa con una M, che sta per l'iniziale di Maria. 

(fonte: Barcelona es poderosa)